Venerdì si è tenuta la presentazione dei lavori di restauro e del saggio di scavo condotti tra la fine del 2012 e il 2013 alle Terme Pallottino. L’edificio termale prende il nome dall’archeologo che lo portò alla luce negli anni 1940-1941, Prof. Massimo Pallottino, Soprintendente archeologo della Sardegna.
L’intervento di valorizzazione delle Terme Pallottino, oltre al saggio di scavo, ha previsto un’intensa attività di restauro delle superfici pavimentali; attività meticolosa che, ha permesso di ridare un nuovo volto ai mosaici degli ambienti.
Il progetto ha avuto come principale obiettivo quello di stabilizzare e mettere in sicurezza il monumento, al fine di ampliare il percorso di visita dell’area archeologica.